9 punti pratici per rendere il tuo team più produttivo

Team Produttivo

Quando si parla di Team, crearne uno, motivarlo e spingerlo sempre a migliorare è necessario per permettere al tuo business di crescere.

Un’azienda ha tanto valore quanto il valore delle persone che la compongono.

La qualità del lavoro che sarà fatto migliorerà con la qualità del team che la compone.

Moltissimi manager ancora non capiscono questa semplice regola e moltissime aziende non hanno team equilibrati, felici e di qualità.

Per questa ragione, in questo articolo, abbiamo raccolto una serie di consigli per migliorare non solo il tuo team, ma anche la relazione all’interno dello stesso, in modo da ottenere una perfetta simbiosi tra i membri che compongono la tua squadra ed essere in grado, quindi, di migliorare le tue performance lavorative.

Iniziamo subito con questa guida pratica da seguire passo a passo:

1 – Dai la possibilità, ai membri del tuo team, di prendere delle decisioni

Molto spesso le decisioni sono prese all’interno del management e, per questo, chi sceglie non ha sempre una conoscenza completa della situazione relativa ad un problema e quindi non è capace di prendere la giusta decisione.

Le decisioni importanti non dovrebbero essere prese sempre dal management.

Se hai un team di persone preparate, dovresti dare la possibilità, ad ogni membro, di prendere la propria decisione per il suo gruppo o il suo ruolo. In questa maniera sarai in grado di velocizzare il processo decisionale e aiutare a creare i futuri team leader sulla base dei membri che sono già presenti nel tuo gruppo.

Poter decidere significa anche interessarsi all’azienda

Un altro fattore legato all’ownership è proprio dare la possibilità ai membri del proprio team di “importarsi” della propria azienda in maniera più attiva, aumentandone la concentrazione e la produttività.

2 – Le pianificazioni strategiche dovrebbero concentrarsi sulle soluzioni

Lo Strategic Planning – cioè quando tutto il team del management si siede e cerca di capire quale piano l’azienda dovrebbe seguire nel futuro – è un pochino una perdita di tempo che non permette di direzionare le energie del management su cosa è veramente importante.

Dovrebbe essere importante, infatti, trovare il tempo di identificare i problemi relativi ai propri prodotti, servizi, processi o organizzazioni, piuttosto che passare il tempo a guardare semplicemente dei prospetti di fatturato, profitto o altre statistiche approssimative.

Usa quindi il tuo team per concentrarsi su questo tipo di problemi, in modo che possa risolvere problemi pratici, aumentare le proprie capacità tecniche sui prodotti o i loro processi, e quindi risolvere problemi che aumenteranno la produttività di tutta l’azienda.

3 – Utilizza diverse tecniche di Brainstorming

Quando si cerca una soluzione ad un problema, all’interno di un team, si tende a voler creare dei gruppi di brainstorming per trovare la soluzione adatta e più rapida.

Noi abbiamo parlato di come affrontare alcune di queste situazioni in un articolo, che puoi trovare seguendo questo link.

Abbiamo comunque dei consigli da darti per permettere ai membri del tuo team di trovarsi a loro agio durante i brainstorming per ottenere, quindi, il miglior risultato possibile.

Permetti agli elementi più creativi di potersi esprimere attraverso mezzi alternativi – Questo problema è chiamato in inglese “Social Loafing” e mostra che in gruppi di Brainstorming, le persone più creative spesso non si esprimeranno completamente perché pensano che altre persone saranno critiche con le loro idee. Per ovviare al problema è abbastanza che si diano mezzi alternativi al semplice brainstorming, come Chat aziendali, form online o meeting individuali.

Evita il blocco  della produzione – Durante una sessione di brainstorming il resto del gruppo deve aspettare mentre un collega condivide un’idea. Spesso questo tempo d’attesa causa un’insicurezza che porta i membri del gruppo a non esprimersi dopo essere stati interrotti. Per evitarlo è possibile creare una scaletta precedente al brainstorming con tutte le idee, in modo che le idee vengano esposte secondo un ordine.

Scegli correttamente le persone per il brainstorming – Quando si ha un problema ci sono persone che possono aiutarti con la loro competenza, ed altre che non possono fare nulla. Scegli sempre bene i membri del proprio brainstorming e limita il numero a 10, visto che un numero maggiore potrebbe essere difficile da gestire.

4 – Allinea i desideri aziendali con quello dei lavoratori

Tutti quanti fanno le cose basandosi sui propri interessi personali. Invece di combattere questi interessi, la migliore cosa da fare sarebbe allineare i desideri dei lavoratori con i  propri interessi organizzativi all’interno dell’azienda.

Permetti ai membri del tuo team di  spostarsi in un nuovo gruppo qualora lo desiderino e premia i manager che decidono di muovere le migliori menti del proprio team verso altri gruppi per cercare di direzionarle verso un ruolo più appropriato.

5 – Dimentica le competenze durante le assunzioni

Non è sempre una buona mossa assumere qualcuno sulla base delle competenze già acquisite. Perchè?

Puoi sempre insegnare nuove competenze, ma non potrai mai insegnare l’intelligenza.

Assumi le persone sulla base della loro intelligenza “cruda” e cerca di capire quali sono le persone pronte ad imparare rapidamente il lavoro.

Alcune delle persone più intelligenti possono non avere le lauree di università importanti.

Inoltre ricorda che, alla fine dei conti, i problemi che davvero vuoi risolvere sono problemi che nessuno ha mai risolto prima (specialmente quando parliamo di start-up o piccole aziende) quindi devi assumere persone che possono pensare “out of the box” e trovare soluzioni uniche a problemi complessi.

6 – Accetta che l’anzianità è un male da evitare

Assunzioni, licenziamenti e promozioni non dovrebbero mai essere determinati dall’anzianità all’interno dell’azienda, perchè questa non è basata sul merito.

Moltissime volte incontrerai nel tuo team delle persone che si sentono importanti solo perchè hanno lavorato nel settore per molto tempo mentre altri membri, magari entrati più recentemente, hanno idee migliori e lavorare più duramente.

7 – Non permettere sempre ai clienti di dettare la soluzione al problema

Il feedback dei clienti è importantissimo per innovare: ne abbiamo sempre parlato nel nostro blog –  se sei curiosi di saperne di più sull’innovazione e la relazione cliente, clicca su questo link. – ma lo è per trovare un problema.

Permetti ai clienti di mostrarti il problema, ma mai la soluzione

I clienti, infatti, vedono problemi che all’interno dell’azienda risultano invisibili perché hanno spesso contatto  con il prodotto o il servizio fornito. Quando si deve arrivare alla soluzione, però, nessuno può trovare una soluzione migliore che il proprio team.

Dai la possibilità l tuo team di trovare la miglior soluzione

Avevamo già parlato del potere decisionale in uno dei punti precedenti, ti ricordi? Questo è un aspetto pratico di quello stesso punto.

8 – Crea esercizi di Team building – ma quelli giusti

Ok, il rapporto tra colleghi è importantissimo, ne parlavamo prima. Ma come possiamo creare un buon rapporto tra i vari colleghi? Con il team building.

Il team building è realmente utile? Dipende da come lo si fa.

Moltissime persone, tra cui gli stessi impiegati, odiano il team building ma, questa pratica, non dovrebbe avere questa fama ingiuriosa.

Il “Small Group Reasearch Journal Paper” ha analizzato informazioni da 103 diversi studi per rispondere alla domanda “Il Team Building funziona?” e sono riusciti a provare, informazioni alla mano, che il team building ha un effetto positivo a lungo termine sulla composizione del team e sulla produttività dei singoli elementi che lo compongono.

Ecco il segreto del Team Building – Parti da situazioni normali

Evita sempre di creare situazioni imbarazzanti o forzate – come obbligare il proprio team a raccontare le paure più profonde.

Ci sono varie liste online di possibili Team building che possono essere utilizzati per massimizzare gli effetti positivi delle uscite di gruppo. Ecco una piccola lista per orientarvi:

Volontariato – Queste sono le migliori attività perché possono far sentire bene l’intero gruppo partecipante e permette di unire il gruppo verso uno scopo moralmente unanime e positivo.

Attività Fisiche – Fare sport è una maniera fantastica per unirsi e permette ai membri del team di lavorare insieme per qualcosa di diverso dal lavoro. L’importante è che lo sport sia scelto sulla base degli interessi comuni e che tutti possano partecipare (chi ha detto bowling?!)

Gite di gruppo – Semplici viaggi casuali come visitare un parco o un museo o andare a vedere qualcosa a teatro possono essere un’opportunità di stare insieme.

Attività professionali per lo sviluppo – Un buon workshop può fare la differenza e permettere di valorizzare i propri impiegati, che si sentiranno seguiti e felici di fare parte di un’azienda che non solo li paga e li valorizza, ma li forma.

9 – Ci sono sempre star nel tuo team, ma ricordati che non sono i soli membri del tuo gruppo

Questo titolo è un po’ lungo, ma sicuramente ti darà un’idea di che cosa parleremo adesso.

Nel tuo team ci sono sicuramente uno o più membri che sono particolarmente bravi e che “brillano” rispetto ad altri che rimangono più nell’ombra, ma voglio dirti una grande verità.

Le superstar sono dipendenti dagli altri per brillare

Può non sembrare così a prima vista, ma i più bravi non sono cavalieri splendenti pronti a produrre al posto del resto del gruppo, ma sono spinti dagli altri membri che permettono il corretto funzionamento anche del suo lavoro e creare un ambiente ottimale per il suo lavoro.

Perché ti dico questo?

Contribuire a migliorare il team significa riconoscere lo sforzo che i vari membri del tuo team stanno facendo.

Perché un buon team è importante

Tutti i consigli che ti abbiamo dato in alto sono un primo step per migliorare il tuo team e renderlo il più performante possibile. Ci sono moltissime altre possibilità e accortezze che potresti utilizzare per ottimizzare il tuo team e il suo sforzo verso nuove mete di produttività!

Dicci che ne pensi dell’articolo in basso e, qualora tu voglia più informazioni su come migliorare la performance del tuo team, faccelo sapere!

 

Iscriviti Alla Newsletter del Blog

Ricevi gli ultimi approfondimenti & le guide gratuite direttamente nella tua casella di posta. 
ISCRIVITI ORA
The following two tabs change content below.

Marco Verdi Demma

Un creatore di contenuti sempre insoddisfatto e alla ricerca dell'articolo perfetto. Risponde al motto “l'utile per scopo, il vero per soggetto, il blog per mezzo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *